Back to top
ITALIANO

Turismo, gli emigrati sardi diventano promoter dell’Isola meno conosciuta

  • post format
    Collaborazione Fasi (Circoli dei Sardi) e Galusè Tour Operator

    04 Mar, 2020  /  Progetti  /  Incoming

    04 Mar, 2020

La Federazione delle associazioni degli immigrati sardi in Italia (Fasi), ha avviato un programma di promozione della Sardegna e degli eventi di maggiore attrattività. Attraverso l’Agenzia Viaggi Eurotarget e in collaborazione con il Tour Operator Galusè sono stati creati una serie di pacchetti turistici per far conoscere le bellezze dell’Isola, le sue tradizioni e la cultura, in particolare le zone dell’entroterra e in bassa stagione.

 

Gruppi di turisti della Penisola avranno l’occasione di visitare in primavera, autunno e inverno (i cosiddetti mesi di spalla) la Sardegna con i suoi suggestivi riti per il Carnevale o della Settimana Santa, ancora la Festa di Sant’Efisio a Cagliari e di prendere parte agli ‘itinerari del vino’.

 

“Tutti i soggetti coinvolti vogliono incrementare il flusso turistico verso destinazioni poco note al turismo di massa – sottolinea Tonino Mulas, ex presidente Fasi e amministratore di Eurotarget, centro servizi Fasi – nei periodi storicamente considerati di bassa stagione. Proponiamo un prodotto tematico-esperienziale legato al territorio e che coinvolge le comunità locali”.

 

Il progetto vede in primo piano la rete dei Circoli sardi della Fasi, 74 realtà dislocate in tutta Italia, e punta a creare un più ampio network che coinvolga in Sardegna una rete di operatori turistici e culturali e realtà produttive dei territori. “Un piccolo modello di turismo sostenibile volto a generare ricadute economiche in territori tutti da riscoprire”, conclude Mulas.

 

Sardiniapost.it